Arte, cultura e tradizioni


Arte, cultura e tradizioni

La chiesa di Santa Margherita a Samassi

Scopriamo la chiesa di Santa Margherita con il suo portico aperto sui tre lati, i suoi archi e l'interno minimale: un luogo cardine per la devozione della comunità locale.

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

Le case in terra cruda di Samassi

A Samassi ancora oggi è possibile trovare numerosi edifici in terra cruda tanto da essere tutelati dall'Associazione nazionale dei comuni della terra cruda.

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

Falqui, il 'confetto' di Samassi

Ancora oggi assai apprezzato in tutta Italia, e non solo, il confetto Falqui è una specialità di Samassi (Campidano di Cagliari, Sud Sardegna) capace di smuovere anche i metabolismi più pigri

Scopri di più →
Partner

Arredamento Matta Cecilia

Arredamento Matta Cecilia
Via delle Industrie - 09030 SAMASSI (VS)
Tel. 070.9389497

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

Samassi per il recupero e riuso del patrimonio edilizio abbandonato

Da sempre al fianco della salvaguardia del patrimonio edilizio abbandonato, Samassi è riuscita a portare la sua iniziativa sino ai banchi di Bruxelles.

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

I villaggi "scomparsi" della Curatoria di Nuraminis

La storia della Sardegna e in particolare di Samassi passa anche per loro: i "giudicati", una particolare forma giuridica che caratterizzava il territorio isolano.

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

La Spugna vegetale viene dall'Asia? Macchè da Samassi!

Samassi è un laboratorio naturale di spugne vegetali nati dalla pianta luffa cilindrica: una pianta di origini asiatiche che ha trovato terreno fertile proprio in Sardegna, a Samassi, dove viene prodotta ed esportata in tutta Europa.

Scopri di più →
Partner

Radio Super Sound - l'accendi e ti accende

Radio Super Sound
Zona Industriale Pip - 09036 GUSPINI (VS)
Tel. 070.9764507

Scopri di più →
Arte, cultura e tradizioni

La Necropoli di Samassi tra storia, cultura e tradizioni

Samassi possiede una grande necropoli ascrivibile al V secolo d.C. che ancora oggi è un'importante elemento di studio per comprendere il modus operandi della popolazione dei Vandali: nomadi che erano soliti scegliere forme semplici e lineari per le tombe dei loro cari.

Scopri di più →